Home / Personaggi / FABIO TAGLIONI

FABIO TAGLIONI

Fabio Taglioni rappresenta la figura più importante nella storia della Ducati come ingegnere e progettista delle moto e delle soluzioni tecnologiche che ne hanno rappresentato trent’anni di storia e che ancora adesso troviamo in alcune delle produzioni attuali della casa di Borgo Panigale, con oltre mille progetti di motori e moto realizzati tra il 1954 ed il 1985.

Assunto in Ducati nel 1954 Fabio Taglioni (che già aveva maturato esperienze progettistiche alla Ceccato e soprattutto alla Mondial), disegna la Gran Sport "Marianna", prima vera moto da corsa della Ducati, impiegata nelle gare di gran fondo come la Milano – Taranto ed il "Motogiro d’Italia". Ducati conquista tre edizioni consecutive di queste prestigiose competizioni e Taglioni, spinto dalle esperienze maturate lungo le strade d’Italia, inizia a progettare le prime moto da gran premio dotate di sistema desmodromico, il raffinato sistema di apertura e chiusura delle valvole che ancora oggi Ducati utilizza in pista ed in produzione. Nel 1971 il progettista di Lugo di Romagna sviluppa le prime moto bicilindriche con motore a "elle" di 90°, che conquistano in pista successi clamorosi con Paul Smart alla 200 Miglia di Imola del 1972 ed al Tourist Trophy del 1978 con Mike Hailwood®. All’inizio degli anni 80, Taglioni conclude la sua trentennale carriera di progettista con la realizzazione del telaio a traliccio, una delle tre "colonne portanti" della tradizione motociclistica di Ducati.