Home / News / Master in Ingegneria della Moto da Corsa: un gran premio lungo sette mesi

Master in Ingegneria della Moto da Corsa: un gran premio lungo sette mesi

È giunta al traguardo la quinta edizione del Master in Ingegneria della Moto da Corsa, il percorso formativo organizzato da Professional Datagest con il patrocinio di Confindustria ANCMA, FMI – Federazione Motociclistica Italiana e Fondazione Marco Simoncelli, e già fervono i preparativi per la nuova stagione, in programma da ottobre 2017 a maggio 2018. Gli organizzatori confidano di ripetere lo straordinario successo dell’annata appena conclusa, ribattezzata l’edizione da record per i primati nel numero di iscritti, 34, e di regioni italiane di provenienza dei partecipanti, ben 15, a testimonianza del forte richiamo che la terra dei motori emiliano-romagnola esercita sugli appassionati delle due ruote di tutto il paese.

La quinta edizione ha consolidato la posizione del Master come punto di riferimento dell’alta formazione in ambito motorsport. Nel tradizionale evento di chiusura, tenutosi al Museo del Patrimonio Industriale di Bologna, il Coordinatore Tecnico del Master Riccardo Savin, Responsabile Dinamica del Veicolo di Ducati Corse, ha espresso la sua soddisfazione per i risultati raggiunti: “Sono davvero contento della crescita compiuta dai nostri Allievi in termini di acquisizione di competenze, di capacità relazionali e di consapevolezza delle proprie potenzialità”. Savin ha poi voluto ringraziare le aziende partner, e in particolare Varvel Group, presente all’evento con il Direttore Generale Mauro Cominoli, che ha consegnato la borsa di studio Varvel a al migliore Allievo della quinta edizione, l’Ing. Francesco Nicolosi.

Chiunque si appresti a intraprendere un percorso professionale in questo settore non può prescindere dal giusto mix di passione e competenze: è questo il messaggio principale emerso nella tavola rotonda allestita ad hoc per l’evento, intitolata “Il motociclismo: sport di squadra o sport individuale?”. La discussione, moderata dal giornalista Luca Corsolini, e che oltre a Riccardo Savin ha visto la partecipazione del Team Manager di Ducati Davide Tardozzi, del Responsabile Innovazione Veicolo di Ducati Pierluigi Zampieri e del Presidente del Comitato regionale della Federazione Motociclistica Italiana Giancarlo Cavina, ha ribadito l’importanza di disporre di figure specializzate pronte a portare nuove idee ed entusiasmo in un ambito che vede nella capacità d’innovazione il suo tratto più distintivo.

Il Master è progettato per rispondere a questa esigenza del mondo produttivo e offrire a tutti gli ingegneri appassionati delle due ruote l’opportunità di trasformare i propri sogni in realtà: oltre alle lezioni in aula, tenute da docenti come Manuel Cazeaux, Crew Chief del Team Suzuki Ecstar MotoGP, Danilo Mojoli, motorista di Aprilia Racing, e Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico del team Ducati SBK, i partecipanti possono entrare in contatto con le realtà più prestigiose e all’avanguardia del settore tramite testimonianze e visite aziendali (Brembo, Magneti Marelli Motorsport, Ducati, Galleria del Vento Raffaele Balli di Perugia e Andreani Group, tanto per citarne alcune), e coniugare competenze teoriche a strumenti pratici grazie alle giornate in pista e alle esercitazioni sui software specialistici. Le selezioni per la sesta edizione sono già in corso di svolgimento. Tutte le informazioni sul programma del Master e sul processo di candidatura sono disponibili alla scheda del corso sul sito di Professional Datagest.